Diritto penale: il controllo della Suprema Corte sulla motivazione del provvedimento impugnato

Il sindacato del giudice di legittimità sul discorso giustificativo del provvedimento impugnato deve mirare a verificare che la relativa motivazione sia: a) “effettiva”, ovvero realmente idonea a rappresentare le ragioni continua a leggere →

FacebookTwitterGoogle+LinkedInGoogle GmailShare

Corte Suprema di Cassazione – sezione feriale penale – sentenza n. 37401 del 30 agosto 2016

RITENUTO IN FATTO (imputato Omissis) veniva citato a comparire avanti al Tribunale di Roma, in composizione monocratica, per rispondere di vari delitti aggravati e continuati di appropriazione indebita, truffa e continua a leggere →

FacebookTwitterGoogle+LinkedInGoogle GmailShare

Corte Suprema di Cassazione – sezione lavoro – sentenza n. 17921 del 12 settembre 2016

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 1 – La Corte di Appello di Messina, in parziale riforma della sentenza del locale Tribunale, ha integralmente accolto le domande proposte da (lavoratore Omissis) nei confronti continua a leggere →

FacebookTwitterGoogle+LinkedInGoogle GmailShare

Corte Suprema di Cassazione – sezione sesta civile – sentenza n. 17887 del 9 settembre 2016

Fatto e diritto 1.- II ricorso è proposto avverso due provvedimenti emessi dal giudice dell’esecuzione presso il Tribunale di Bari — sezione distaccata di (Omissis): il primo, in data 31 continua a leggere →

FacebookTwitterGoogle+LinkedInGoogle GmailShare

Corte Suprema di Cassazione – sezione prima civile – sentenza n. 17768 del giorno 8 settembre 2016

IL PROCESSO Il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di (Omissis) impugna il decreto Trib. (Omissis) 28.7.2014 con cui venne liquidato – nella misura di 400.000 euro – un acconto continua a leggere →

FacebookTwitterGoogle+LinkedInGoogle GmailShare

Corte Suprema di Cassazione – sezione prima penale – sentenza n. 36373 del 13 giugno 2016, depositata il giorno 1 settembre 2016

RITENUTO IN FATTO Con ordinanza del 28 aprile 2015, la Corte di appello di Milano, quale giudice dell’esecuzione, rigettava l’istanza, formulata, ai sensi dell’art. 168, comma 1, cod. pen., dal continua a leggere →

FacebookTwitterGoogle+LinkedInGoogle GmailShare

Vizio di violazione di norme di diritto e vizio di motivazione in sede di legittimità

Il vizio di violazione di norme di diritto consiste nella deduzione di un’erronea ricognizione, da parte del provvedimento impugnato, della fattispecie normativa astratta e, quindi, implica necessariamente un problema interpretativo continua a leggere →

FacebookTwitterGoogle+LinkedInGoogle GmailShare

Corte Suprema di Cassazione – sezione lavoro – sentenza n. 15321 del 25 luglio 2016

Svolgimento del processo 1.— Con sentenza del 2 luglio 2013, la Corte di Appello di Cagliari ha confermato la decisione di primo grado che aveva dichiarato l’illegittimità del trasferimento adottato continua a leggere →

FacebookTwitterGoogle+LinkedInGoogle GmailShare

Corte Suprema di Cassazione – sezione lavoro – sentenza n. 15229 del 22 luglio 2016

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con sentenza depositata il 5.11.12 la Corte d’appello di Salerno rigettava per difetto di prova sul quantum il gravame di (ricorrente Omissis), perito assicurativo, contro la sentenza continua a leggere →

FacebookTwitterGoogle+LinkedInGoogle GmailShare

Corte Suprema di Cassazione – sezione seconda civile – sentenza n°10864 del 25 maggio 2016

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con citazione del 15.02.2005 il Condominio (Omissis) conveniva davanti al Giudice di Pace di Monza (Omissis) e (Omissis), asserendo che questi, quali proprietari dell’immobile sito in (Omissis), continua a leggere →

FacebookTwitterGoogle+LinkedInGoogle GmailShare